TikTok affronta una resa dei conti al Senato

Un disegno di legge federale per costringere il proprietario cinese di TikTok a vendere l’app video – o a vietarla – si sta muovendo a Washington con una velocità sorprendente, dopo che la Camera l’ha approvato con una maggioranza schiacciante.

Sebbene il suo destino al Senato non sia chiaro, il sentimento anti-cinese e le pressioni sui legislatori da parte della Casa Bianca potrebbero forzare la questione. Ciò smentisce gli ostacoli tecnici e legali nella vendita di TikTok, nonché le divisioni all’interno della comunità tecnologica statunitense sulla legislazione proposta.

Il disegno di legge ha sconvolto la politica del Senato. I capi dell’Intelligence Committee della Camera – Mark Warner, democratico della Virginia, e Marco Rubio, repubblicano della Florida – sostengono il disegno di legge. Lo stesso fanno il progressista John Fetterman, democratico della Pennsylvania, e il falco Ted Cruz, repubblicano del Texas.

“La Cina piega continuamente le aziende americane alla sua volontà. C’era da tempo tempo per respingere e questo disegno di legge fa esattamente questo”, Fetterman ha postato sui social media.

Gli oppositori includono libertari repubblicani come Rand Paul del Kentucky e Mike Lee dello Utah, nonché democratici tradizionali come Richard Blumenthal del Connecticut.

I dirigenti tecnologici americani appaiono divisi. Lo ha chiamato un consigliere di Alex Karp, amministratore delegato di Palantir una campagna contro i parlamentari della Camera che hanno votato no, unendosi a personaggi del calibro del venture capitalist libertario Keith Rabois.

Altri leader tecnologici affermano in privato che, mentre le loro aziende potrebbero trarre vantaggio dal ostacolare un concorrente, il disegno di legge potrebbe aprire la porta a una più ampia regolamentazione dei social media negli Stati Uniti e altrove. I dirigenti temono anche di rimanere coinvolti in un crescente fuoco incrociato tra Stati Uniti e Cina: cosa succederebbe se la Cina richiedesse alle aziende americane di cedere le loro attività nel paese?

(Vale anche la pena notare: secondo The Information, l’app ha perso diversi miliardi di dollari lo scorso anno con 20 miliardi di dollari di entrate, rappresentando una sfida per un universo già limitato di potenziali acquirenti.)

Ci sono altre considerazioni spinose. Come scrive David Sanger del Times, la legislazione non affronta una questione fondamentale: il destino degli algoritmi di raccomandazione che hanno reso TikTok così popolare e preoccupano i funzionari di Washington. Qualsiasi cessione dell’app richiederebbe la riscrittura del codice, dato che è improbabile che Pechino consenta una vendita che la includa.

Il disegno di legge deve affrontare dei dossi. Il Senato prenderà una pausa di due settimane alla fine del mese. Nel frattempo, i principali leader democratici – tra cui Chuck Schumer di New York, il leader della maggioranza, e Maria Cantwell, presidente del Comitato per il Commercio – non si sono impegnati ad alcun tipo di scadenza.

Anche se il disegno di legge diventasse legge, aspettatevi che TikTok lo contesti in tribunale, cosa che richiederebbe mesi per essere risolta.

È morto a 84 anni Gerald Levin, ex amministratore delegato di Time Warner. Leader aziendale apprezzato ed esperto affarista, Levin ha orchestrato la vendita della sua azienda ad AOL, quella che allora è stata la più grande fusione della storia, creando un colosso della tecnologia e dei media. Ma l’accordo si rivelò disastroso, arrivando a essere considerato il peggior matrimonio aziendale di sempre.

Il fondatore di Under Armour tornerà come CEO Kevin Plank, che si è fatto da parte nel 2019, prenderà il posto di Stephanie Linnartz nel tentativo di risollevare le sorti del marchio di abbigliamento sportivo in difficoltà. Plank cederà il ruolo di presidente esecutivo ma rimarrà nel consiglio; Mohamed El-Erian, economista ed ex amministratore delegato di Pimco, diventerà presidente non esecutivo.

Secondo quanto riferito, la casa automobilistica elettrica Fisker sta valutando la bancarotta. Secondo il Wall Street Journal, la società ha assunto consulenti tra cui la società di consulenza FTI e lo studio legale Davis Polk per lavorare su un potenziale deposito del Capitolo 11. Fisker, che si è quotata in borsa tramite una struttura di assegni in bianco, ha sofferto di complicazioni di produzione e del rallentamento della domanda di veicoli elettrici.

Il destino delle pubblicazioni conservatrici britanniche e di un’icona industriale americana si trova ad affrontare un nemico comune: la crescente resistenza nei palazzi del potere nei confronti degli acquirenti stranieri in mezzo alle preoccupazioni per la sicurezza nazionale – una tendenza che preoccupa sempre più i negoziatori.

Gli esempi più recenti riguardano l’acquisizione da parte di Abu Dhabi del quotidiano Telegraph e della rivista Spectator in Gran Bretagna e l’acquisizione di US Steel da parte di Nippon Steel.

La Gran Bretagna sta cambiando la legge per fermare l’accordo sui media. Rishi Sunak, il primo ministro conservatore britannico, ha dichiarato mercoledì che il suo governo si muoverà per bloccare gli accordi finanziati dalla maggioranza statale per le pubblicazioni di notizie britanniche.

La decisione probabilmente bloccherà un’offerta da 600 milioni di dollari da parte di RedBird IMI di Jeff Zucker, una joint venture tra la società americana di private equity RedBird Capital e International Media Investments, un fondo controllato dagli Emirati Arabi Uniti. Abu Dhabi fornisce circa tre quarti dei finanziamenti di RedBird IMI.

Il presidente Biden solleverà domande sull’accordo sull’acciaio. Non ci si aspetta che lo blocchi, anche se l’amministrazione ha il potere di fermare le acquisizioni straniere per motivi di sicurezza nazionale.

Dirà invece che è necessario un “serio esame” in vista della visita di stato del primo ministro giapponese Fumio Kishida il mese prossimo. È un modo educato per dire che si oppone all’accordo, anche se è difficile vedere come il Giappone possa rappresentare una minaccia.

La politica elettorale incombe su entrambe le decisioni. Sunak deve indire una votazione entro il prossimo gennaio. L’élite conservatrice e i due media hanno fatto pressioni su di lui affinché agisse in un momento in cui era in svantaggio nei sondaggi.

Il sindacato United Steelworkers si oppone all’acquisizione della Nippon. Biden e Donald Trump stanno corteggiando gli elettori dei colletti blu in Pennsylvania, lo stato chiave in cui ha sede US Steel.

A differenza del caso TikTok, gli Stati Uniti e la Gran Bretagna stanno respingendo gli alleati. Il Giappone è un partner sempre più stretto degli Stati Uniti, soprattutto perché la lotta di Washington con Pechino si intensifica. Abu Dhabi è uno stretto alleato mediorientale della Gran Bretagna e una fonte crescente di investimenti interni in altri settori, comprese le infrastrutture nazionali.

I creatori di affari sono in allerta. La sicurezza nazionale implicazioni per fusioni e acquisizioni transfrontaliere. sono stati un grande argomento di discussione al Tulane Corporate Law Institute, una delle principali società di M.&A. conferenza, la settimana scorsa. Con gli Emirati Arabi Uniti e altri paesi del Medio Oriente che aprono i rubinetti per investire negli Stati Uniti, aspettatevi un maggiore controllo.


La missione di Elon Musk di trasformare X in uno spazio imperdibile per giornalisti, influencer e provocatori ha già subito un costoso esodo di inserzionisti. Ora, Musk ha tagliato i rapporti con Don Lemon, un’ex star della CNN che aveva corteggiato per unirsi agli X, dopo un’intervista provocatoria.

Musk ha rifiutato lo show di Lemon mercoledì prima del suo primo episodio. Musk e Lemon non sono d’accordo sul motivo per cui la partnership è fallita, una mossa che ha colto di sorpresa i venditori di X, riporta The Times. Ma è seguita un’intervista lunga e talvolta tesa che ha toccato l’uso di droga di Musk, le sue opinioni politiche e il modo in cui gestisce molteplici attività.

Il licenziamento potrebbe bloccare gli sforzi di Musk per entrare nel live streaming e sfidare YouTube. Il miliardario deve affrontare enormi sfide anche con le altre sue attività, inclusa Tesla. Quest’anno le azioni del produttore di veicoli elettrici sono scese di oltre il 30%. Mercoledì un analista automobilistico di Wells Fargo ha declassato Tesla, avvertendo che la società potrebbe non crescere quest’anno.

Musk si descrive come un “assolutista della libertà di parola” e aveva ha promesso a Lemon il suo “pieno sostegno” per realizzare uno spettacolo di successo. La società ha detto la mossa improvvisa è stata una decisione aziendale. Musk ha minato quella posizione ore dopo, dicendo che non gli importava l’approccio di Lemon all’intervista. Un’altra ruga: Lemon non ha mai firmato un contratto, secondo Semafor, il che potrebbe significare una battaglia legale per decidere se X debba pagarlo.

«Zucker ha scritto le domande,» ha postato Musk su X, un riferimento a Jeff Zucker, l’ex capo della CNN di Lemon. (Vale la pena notare che la CNN è spesso usata come abbreviazione per il tipo di media di sinistra che il miliardario ha deriso.)

Lemon ha messo in dubbio le credenziali di libertà di parola di Musk. “Il suo impegno per una piazza cittadina globale in cui tutte le domande possano essere poste e tutte le idee possano essere condivise sembra non includere domande rivolte a lui da persone come me”, ha scritto in una lettera aperta.

L’intervista completa sarà trasmessa la prossima settimana su YouTube, ha detto Lemon, e su X.


Da quando ha lasciato la finanza sei anni fa, Jason Karp è diventato un imprenditore di marchi sanitari, fondando aziende come il marchio di cioccolato Hu che pubblicizza la loro buona fede tutto naturale.

Ora sta diventando un investitore attivista attaccando Kellogg (di cui dice di essere un azionista) per l’uso di additivi artificiali nonostante si sia impegnato a smettere, DealBook è il primo a riferire. Sta lavorando con Alex Spiro, l’avvocato di Quinn Emanuel noto soprattutto per rappresentare Elon Musk.

«Kellogg ha anteposto in modo non etico e sconsiderato i profitti a breve termine al benessere dei clienti», Spiro ha scritto ieri sera in una lettera al consiglio di amministrazione della Kellogg. La mossa arriva in un momento in cui i giganti alimentari come Nestlé devono affrontare la pressione degli investitori e dei sostenitori della nutrizione per rendere i loro prodotti più sani.

La lettera rileva che, sebbene Kellogg abbia eliminato gli additivi artificiali nei suoi prodotti all’estero, questi rimangono nelle iterazioni nordamericane di Froot Loops, cereali Baby Shark e altri. Definisce le sostanze chimiche “dannose” per i bambini e la loro “inclusione deliberata” rappresenta un rischio per gli azionisti e la reputazione del marchio, esponendo l’azienda a “una significativa responsabilità legale”.

Un rappresentante di Kellogg non ha risposto a una richiesta di commento.

La lettera arriva dopo un’altra recente controversia su Kellogg, in cui l’amministratore delegato dell’azienda, Gary Pilnick, ha invitato i consumatori a consumare cereali a cena per far fronte all’aumento dei costi alimentari. I commenti hanno suscitato indignazione online; Spiro lo definì un “fiasco”.

La lettera è in linea con l’etica degli affari di Karp. HumanCo, la sua società di investimento (che è assistita da personaggi del calibro dell’ex CEO di PepsiCo Indra Nooyi e della stella del tennis Venus Williams), sostiene aziende come Against the Grain, un marchio di pizza senza glutine, Cosmic Bliss, che produce ghiaccio a base vegetale crema.

Una verifica dei fatti: Sebbene la lettera descriva i coloranti artificiali come il Rosso 40, il Giallo 6 e il Blu 1 come “dannosi”, anche altre giurisdizioni, tra cui l’UE e il Giappone, li consentono, anche se con requisiti di etichetta. E gli studi non hanno scoperto in modo definitivo che danneggino i bambini.

Spiro e Karp hanno chiesto un «incontro urgente» con il consiglio di amministrazione di Kellogg, per discutere una tempistica per porre fine all’uso degli additivi artificiali. Altrimenti, hanno aggiunto, “non esiteremo a ritenere responsabile la leadership di Kellogg”.

Offerte

Politica

Meglio del resto

  • “Una nuova impennata nel consumo di energia sta minacciando gli obiettivi climatici degli Stati Uniti” (NYT)

  • Nelle notizie sulla vendita al dettaglio: Family Dollar prevede di chiudere circa 1.000 negozi a causa del calo delle vendite, mentre l’assediato marchio di athleisure Outdoor Voices chiuderà tutti i suoi punti vendita fisici. (NYT)

Ci piacerebbe il tuo feedback! Si prega di inviare pensieri e suggerimenti via e-mail a dealbook@nytimes.com.