Quando gli occhi nel cielo iniziano a guardarti dritto negli occhi

Per decenni, gli esperti di privacy sono stati cauti nei confronti dello spionaggio dallo spazio. Temevano satelliti abbastanza potenti da zoomare sugli individui, catturando primi piani che avrebbero potuto differenziare gli adulti dai bambini o coloro che prendono il sole in costume da quelli in uno stato di natura.

Ora, all’improvviso, dicono gli analisti, una startup sta costruendo una nuova classe di satelliti le cui telecamere, per la prima volta, farebbero proprio questo.

«Siamo profondamente consapevoli delle implicazioni sulla privacy», ha detto in un’intervista Topher Haddad, capo di Albedo Space, la società che produce i nuovi satelliti. La tecnologia della sua azienda immaginerà le persone ma non sarà in grado di identificarle, ha detto. Albedo, ha aggiunto Haddad, sta comunque adottando misure amministrative per affrontare una vasta gamma di problemi di privacy.

Chiunque viva nel mondo moderno ha acquisito familiarità con la diminuzione della privacy in mezzo all’aumento delle telecamere di sicurezza, dei tracker integrati negli smartphone, dei sistemi di riconoscimento facciale, dei droni e di altre forme di monitoraggio digitale. Ma ciò che rende la sorveglianza dall’alto potenzialmente spaventosa, dicono gli esperti, è la sua capacità di invadere aree una volta considerate intrinsecamente vietate.

“Questa è una gigantesca telecamera nel cielo che qualsiasi governo può utilizzare in qualsiasi momento a nostra insaputa”, ha affermato Jennifer Lynch, consigliere generale della Electronic Frontier Foundation, che nel 2019 ha esortato i regolatori civili dei satelliti ad affrontare questo problema. «Dovremmo assolutamente preoccuparci.»

Contro questa preoccupazione, Haddad e altri sostenitori della tecnologia di Albedo affermano che i benefici reali devono essere soppesati, soprattutto quando si tratta di combattere i disastri e salvare vite umane.

«Saprai quale casa è in fiamme e dove le persone stanno fuggendo», ha detto D. James Baker, ex capo della National Oceanic and Atmospheric Administration, che concede in licenza i satelliti civili per immagini della nazione.

Con sede nell’area di Denver, Albedo Space ha 50 dipendenti e ha raccolto circa 100 milioni di dollari. Prevede di lanciare il suo primo satellite all’inizio del 2025, ha detto Haddad. In definitiva, prevede una flotta di 24 veicoli spaziali.

Gli investitori in Albedo includono Breakthrough Energy Ventures, la società di investimento di Bill Gates. Il comitato consultivo strategico di Albedo comprende ex direttori della CIA e della National Geospatial-Intelligence Agency, un braccio del Pentagono.

Il sito web dell’azienda non fa menzione dell’imaging delle persone o dei problemi di privacy. Anche così, gli esperti di ricognizione affermano che i regolatori dovrebbero svegliarsi prima che la navicella spaziale inizi a fare i primi primi piani.

«È un grosso problema», ha detto Linda Zall, un ex funzionario della CIA la cui carriera decennale ha coinvolto alcuni dei più potenti satelliti spia della nazione. Le capacità colpiranno nel segno, ha previsto, quando le persone si renderanno conto che le cose che stanno cercando di nascondere nei loro cortili ora possono essere osservate con nuova chiarezza. «La privacy è un vero problema», ha affermato il dottor Zall.

«Ci sta portando un passo avanti verso un mondo in cui il Grande Fratello osserva», ha aggiunto Jonathan C. McDowell, un astrofisico di Harvard che pubblica un rapporto mensile sugli sviluppi spaziali civili e militari.

Mentre i veicoli spaziali in orbita hanno studiato a lungo il pianeta, il potenziale per la vita civile di essere sorvegliata dai satelliti è stato messo a dura prova dal disastro nucleare di Chernobyl. Mosca aveva negato qualsiasi problema serio. Ma un satellite americano non militare scattò una foto il 29 aprile 1986, mostrando che il nucleo del reattore si era rotto in una breccia infuocata che stava spargendo detriti radioattivi mortali nell’atmosfera.

I media americani hanno diffuso l’immagine. Ha confermato un disastro, ha contribuito ad avviare il campo del giornalismo satellitare e, quasi immediatamente, ha alimentato i timori di spionaggio dallo spazio.

“Si prevede che la qualità delle immagini migliorerà rapidamente”, avvertì il Privacy Journal, una newsletter mensile pubblicata a Washington, subito dopo il disastro atomico. I direttori dei notiziari televisivi, si diceva, stavano ora cercando di ottenere un accesso illimitato alle immagini spaziali che avrebbero potuto tracciare qualsiasi cosa, dai movimenti delle truppe alle vasche idromassaggio nel cortile.

La potenza visiva di una telecamera spaziale viene solitamente espressa come la lunghezza, in metri, della più piccola caratteristica che può risolvere. La cifra per le prime fotocamere era di metri. Adesso sono centimetri. Nel complesso, dicono gli esperti, questo miglioramento rende le nuove immagini centinaia di volte più dettagliate e rivelatrici.

Il satellite che ha ripreso Chernobyl nel 1986 era conosciuto come Landsat. La NASA lo ha costruito per monitorare raccolti, foreste e altre risorse sul terreno. L’orbita del velivolo era a circa 400 miglia di altezza e la sua telecamera poteva individuare oggetti terrestri piccoli fino a 30 metri. Al contrario, il complesso di Chernobyl era lungo quasi un chilometro. Quindi gli analisti potevano facilmente vederlo e il reattore esploso.

Dopo la Guerra Fredda, nel 1994, l’amministrazione Clinton approvò l’uso commerciale della tecnologia spionistica americana. Nel 1999, Space Imaging, una filiale di Raytheon e Lockheed Martin, lanciò il suo primo satellite. Aveva un potere risolutivo di un metro. Il New York Times ha mostrato la prima immagine del satellite in cima alla sua prima pagina. Il monumento a Washington si stagliava chiaramente, con la sua ombra lunga nella luce del mattino.

Come previsto, le immagini provenienti dall’orbita sono continuamente migliorate in termini di qualità, aiutando le notizie su guerre, rifugiati, basi segrete, violazioni dei diritti umani, distruzione ambientale, disastri naturali e concentramenti militari.

Nel 2016, l’Associated Press ha vinto un Premio Pulitzer per aver scoperto abusi sul lavoro nel settore ittico che equivalevano a schiavitù. I suoi giornalisti hanno utilizzato immagini satellitari per tracciare le navi industriali. Molte testate giornalistiche, incluso il Times, ora impiegano specialisti esperti nell’analisi delle immagini satellitari.

Mark Brender, un pioniere del giornalismo satellitare, ha osservato che i giornalisti sul campo possono essere molestati e bloccati. «Ma le telecamere nello spazio sono al sicuro da questo tipo di pressioni», ha detto. «Sono diventati indispensabili per una società libera quanto una macchina fotografica a mano o una macchina da stampa.»

Oggi, i più potenti satelliti civili per immagini possono differenziare oggetti sul terreno piccoli fino a 30 centimetri o circa un piede di diametro. Le immagini consentono agli analisti di distinguere la segnaletica stradale e persino i numeri di coda degli aerei.

Albedo mira a fare un balzo in avanti immaginando oggetti piccoli fino a 10 centimetri o quattro pollici. Ciò è diventato possibile perché l’amministrazione Trump nel 2018 ha adottato misure per allentare le norme che regolano la risoluzione dei satelliti civili. “Presto”, ha avvertito nel 2019 Technology Review, una rivista del MIT, “i satelliti saranno in grado di guardarvi ovunque in ogni momento”.

Ciò che ha ispirato gli obiettivi di chiarezza di Albedo, ha detto Haddad, è stata la condivisione da parte di Trump di un’immagine spia americana dal suo account Twitter che mostrava una piattaforma di lancio gravemente danneggiata in Iran. La risoluzione dell’immagine è stata valutata pari a circa 10 centimetri e ciò ha portato ad un’ampia discussione sulle possibilità commerciali.

Il signor Haddad è cresciuto a Houston e ha studiato ingegneria alla Johns Hopkins University e all’Università del Texas. Ha poi lavorato per Lockheed Martin a Sunnyvale, in California, che da tempo costruisce satelliti spia. Alcuni possono rivaleggiare o superare le dimensioni di uno scuolabus e in genere costano miliardi di dollari.

Il signor Haddad ha fondato Albedo con Winston Tri, un ex ingegnere informatico di Facebook, e AyJay Lasater, un ex ingegnere satellitare della Lockheed Martin. Vedevano un mercato commerciale per le immagini da 10 centimetri, ma non se i costi fossero stati astronomici. La loro soluzione era posizionare i satelliti in orbite molto basse, relativamente vicine ai loro soggetti terrestri. Ciò consentirebbe alla flotta satellitare di utilizzare fotocamere e telescopi più piccoli, riducendo i costi.

Landsat stava orbitando a più di 400 miglia di altezza quando ha ripreso l’immagine di Chernobyl. Al contrario, i fondatori di Albedo pianificarono orbite fino a 100 miglia. A basse altitudini, i veicoli spaziali attraversano la sottile atmosfera esterna del pianeta, il che può rallentarli e abbreviare la loro vita orbitale. L’imbarcazione Albedo, leggermente più grande di un frigorifero a grandezza naturale, utilizzerà getti booster per contrastare la resistenza atmosferica.

Per caricare le batterie, i satelliti spesso dispongono di grandi schiere di pannelli solari che si estendono come ali. Non Albedo. Per ridurre la resistenza, i fondatori progettarono un veicolo spaziale cilindrico ricoperto di celle solari.

Albedo è stata fondata nel 2020 e sin dall’inizio il signor Haddad ha dovuto affrontare problemi di privacy. Rivolgendosi a loro in una discussione su un forum tecnologico online, ha scritto: “Ci rendiamo conto che dobbiamo affrontare adeguatamente la privacy e la prevenzione degli abusi”.

Per ridurre i rischi, ha aggiunto Haddad, la società approverebbe i nuovi clienti caso per caso, svilupperebbe modi per identificare i malintenzionati e assicurarsi che i termini e le condizioni contrattuali prevedano misure punitive per le violazioni della politica aziendale.

Nel dicembre 2021, Albedo ha ottenuto l’approvazione normativa per il loft di un satellite per immagini con una risoluzione di 10 centimetri. La sua tecnologia attirò rapidamente l’attenzione dei militari e delle agenzie di intelligence nazionali.

Nel 2022, Albedo ha ricevuto un contratto da 1,25 milioni di dollari con l’Air Force per vedere se l’attrezzatura dell’azienda potesse soddisfare una scala di valutazione standard che misura l’interpretabilità delle immagini. I test includevano l’identificazione di hardware su furgoni elettronici, carenature su aerei da combattimento e tubi missilistici su navi da guerra.

Nell’aprile 2023, la società ha ricevuto un altro contratto da 1,25 milioni di dollari, questa volta con il National Air and Space Intelligence Center, che valuta le minacce straniere. Alla fine dell’anno scorso, ha anche firmato un contratto per far valutare la sua tecnologia dal National Reconnaissance Office, che gestisce i satelliti spia della nazione.

Il sito web di Albedo afferma che le sue immagini possono aiutare i governi a “monitorare i punti caldi, eliminare l’incertezza e mobilitarsi rapidamente”. L’azienda, nell’elencare i suoi valori fondamentali, afferma di sostenere il “giornalismo investigativo basato sui dati” tra le altre attività che “garantiscono di migliorare il mondo in cui viviamo”.

Illustrando i poteri di osservazione della flotta, Tri, co-fondatore di Albedo, ha affermato che le telecamere spaziali potrebbero rilevare dettagli del veicolo come tettucci apribili, strisce da corsa e oggetti in un camion a pianale. «In alcuni casi», ha detto, «potremmo anche essere in grado di identificare determinati veicoli, cosa che fino ad ora non è stata possibile.»

L’azienda si aspetta che tra i clienti civili ci siano urbanisti alla ricerca di buche sulle strade, gruppi di conservazione che monitorano la fauna selvatica, compagnie di assicurazione che rilevano danni ai tetti e società di linee elettriche che cercano di prevenire gli incendi.

John E. Pike, direttore di Global Security.org, un gruppo di ricerca senza scopo di lucro con sede ad Alexandria, in Virginia, ha affermato che Albedo sta minimizzando ciò che potrebbe diventare significativo.

«Inizierai a vedere gente», ha detto. «Vedrai più che semplici punti.» Le immagini satellitari dei palestinesi in fuga dai combattimenti nella Striscia di Gaza, ha osservato Pike, illustrano gli attuali limiti di osservazione. Le immagini mostrano folle dense in cui non è possibile distinguere alcun individuo oppure, nel caso di gruppi più piccoli di persone sulle strade, piccole macchie e punti scuri.

Il signor Pike ha fatto eco al signor Haddad nel dire che la nuova tecnologia non sarebbe stata in grado di identificare particolari individui. Tuttavia, ha affermato che le telecamere spaziali sarebbero molto probabilmente in grado di distinguere i bambini dagli adulti così come i bagnanti in costume da bagno da quelli in ulteriori stati di svestizione.

«Questa è l’archetipo della preoccupazione per la privacy di primo ordine: che qualcuno ti veda prendere il sole», ha detto Pike.

Gli esperti legali sottolineano che i droni sono altamente regolamentati da leggi federali, statali e locali che li rendono soggetti a denunce di violazione di domicilio e privacy. Le zone interdette al volo non includono solo aeroporti, basi militari ed eventi sportivi, ma anche individui. La legge della California vieta agli operatori di droni, a meno che non abbiano il permesso, di scattare foto di persone impegnate in attività private, personali o familiari.

La signora Lynch della Electronic Frontier Foundation ha affermato che la sua scoraggiante esperienza con i regolatori satellitari di mezzo decennio fa le ha suggerito che si sarebbe fatto poco per imporre una protezione della privacy dagli occhi nel cielo.

Albedo e i suoi sostenitori, ha aggiunto, “operano con i paraocchi e non vedono le conseguenze” per i diritti umani.